Recensione – Lavennder, di Giacomo Bevilacqua

Dopo Il suono del mondo a memoria, in cui lo spazio di azione era la città (New York), uno spazio “fotografato” e descritto nella duplice dimensione soggettiva/oggettiva, al di là degli stereotipi o forzandoli quando necessario, allo stesso modo in Lavennder (Sergio Bonelli Editore) viene affrontato lo stereotipo dell’isola paradisiaca -deserta- dove la bellezza risiede nell’esasperazione del concetto di insularità. Un luogo isolato da tutto, dove non vi sono leggi, dove si cerca l’avventura facile, senza “nessuno” intorno a disturbare, dove predomina, nuovamente, lo stereotipo delle tre S del marketing turistico (Sea, Sand, Sun).

Contrasti netti, tonalità pastello alternate a tonalità sature, la luce accecante del sole, filtrata dalla vegetazione o dall’acqua cristallina, sono il contorno di una storia, di un sogno che si ripete, di un finale che non c’è. L’isola protagonista, più degli attori in scena, primari, secondari o comparse (e vai a capire chi è chi).

Circa 130 tavole che si ingurgitano velocemente, ma che rimangono sospese a lungo, data la loro densità. Un film che si svolge prima su carta, poi nella testa. I riferimenti a pellicole sono evidenti, alcuni famosi, altri meno. La ragazza sembra averla già vista, forse interpretava un personaggio in A panda piace. Alla terza apparizione (chissà se era presente in Metamorphosis o in Roma città morta? Forse…) sarà d’obbligo un paragone pesante con un maestro del fumetto, che aveva la sua “attrice” protagonista o comparsa in ogni albo.

L’isola -si diceva- collocata in mezzo al mare. Quale mare? Non importa. L’isola c’è solo quando ne abbiamo coscienza. Altrimenti l’isola non c’è.

Immagini tratte da qui.

Scheda

Video

Intervista

Il fumetto storico

Può il fumetto essere uno strumento di comunicazione storica?

Non sono il primo – né l’ultimo – a porsi questa domanda e ad analizzare il fumetto non solo come una narrazione per immagini ma come “qualcosa in più”. Sebbene in certi ambiti accademici il fumetto, come altri media (con la “E” di “metro” e non con la “I” di “green”) non sia validato come documento e strumento per la ricerca e l’analisi storica, mentre in alcuni lo è eccome, una vasta letteratura scientifica risponde affermativamente alla domanda posta all’inizio.

Continua a leggere Il fumetto storico