Un sabato di novembre

Sabato mattina
Come Marcovaldo
Attraverso la città
Silenziosa, ovattata.

Il vento freddo
È infine arrivato
A novembre finito
Il cielo coperto

Vino e castagne
Un gatto ai piedi
Un libro e un tè,
Con te aspetto
Che torni l’estate