Pomeriggio di settembre

L’aria fresca di fine settembre si fa largo tra le tende di cotone bianco che ondeggiano pigre, la città è lontana, soffusi i suoi rumori, assenti gli odori.
Solo un sax suona lentamente interrompendo la quiete del primo pomeriggio.
Le lenzuola profumano di te, mi assopisco pensandoti, desiderandoti al mio fianco, sognando le tue risate, contemplando i tuoi silenzi, e quegli occhi grandi.